FILOSOFIA

Attraverso il nostro marchio desideriamo lanciare un messaggio: la bellezza assoluta non esiste, ma si può creare la propria bellezza e sentirsi perfetti.
Liberandoci dall’ossessione del bello estetico e lasciando volare il nostro essere, potremo vedere la bellezza in tutta la sua perfezione.
La nostra bellezza, la nostra perfezione. Cosa è, dunque, la bellezza? Le risposte sono infinite. Noi vi proponiamo quella di Silvia Perrella Segre, fondatrice di KORPOCARE®.

“Risplendi
la tua luce”.

La bellezza secondo Silvia Perrella Segre

SILVIA PERRELLA SEGRE
Fondatrice
KORPOCARE®.

«Ho 67 anni, sono la moglie di un chirurgo plastico, credo nella chirurgia plastica se questa ci aiuta a correggere difetti non altrimenti correggibili, ma non se pensiamo possa darci la vera bellezza che non si nutre di sola forma, ma è l’espressione dell’equilibrio tra corpo e mente che si può conquistare con uno stile di vita equilibrato. Penso che nessun intervento possa darci la luminosità di un viso con una pelle curata.

Quando l’intero organismo è in armonia i tratti appaiono più distesi, la pelle luminosa, lo sguardo brillante. La bellezza e il fascino non hanno età, le nuove campagne pubblicitarie hanno saputo liberare l’immagine femminile dal falso mito della giovinezza e della perfezione: una bellezza intelligente e consapevole che rivendica il diritto di esibire tutte le rughe e i segni del tempo, perché alla fine tutte invecchieremo. Nel 2020 le sessantenni sono 500 milioni, vale a dire il 15% della popolazione mondiale.

Ho 67 anni e la vecchiaia è fatta così. Invece di parlare di rughe parliamo di saggezza, di libertà, di esperienza. Sto invecchiando, me ne accorgo, però mi piace: vuol dire che sono viva essendo passata anche attraverso la malattia. Il mio viso racconta tutto: la tristezza di quei momenti ma anche la gioia, il grande amore per i miei figli, mio marito, i miei nipotini, il mio lavoro. Nel mio viso riconosco la mia famiglia e la mia età.

La bellezza è quella che ognuna di noi ha. Ed è unica, irresistibile, potente. Bisogna accettarsi così come siamo, con pregi e difetti, età compresa. Si sta ridefinendo il concetto di bellezza, che non è più sinonimo di giovinezza, turgore, freschezza, ma dipende dall’amarsi, dal piacersi, dall’avere sicurezza; nasce da dentro, dal lavoro che facciamo su noi stessi: nutriamo l’anima di emozioni e passioni».

“Illuminiamo il mondo con la nostra
luce e rendiamolo migliore”.

Silvia Perrella Segre